Pianta Madre: L’Equiseto è conosciuta anche come Coda cavallina per la sua particolare assomiglianza a una coda di cavallo. Appartiene alla famiglia delle Equisetacee, la droga è costituita dal caule sterile
Botanica: pianta erbacea , infestante, perenne, subito riconoscibile per la sua carratteristica conformazione. Cresce spontaneo in luoghi argillosi e umidi o lungo i corsi d’acqua. Ha un rizoma strisciante , un fusto sottile, cilindrico che presenta dei nodi su cui sono saldate le foglie a filamento sottile giusto come crini di cavallo. Principi attivi:  Alcaloidi, Acido silicico, Flavonoidi quali  isoquercitrina,equisetrina, quecetina, kaemferolo , Saponine( equisetonina), Fenoacidi, Fitosteroli Impiego cosmetico: come coadiuvante nei trattamenti cosmetici rassodanti del viso su pelli senescenti e del corpo contro le smagliature. L’acido silico, che si trova anche in forma solubile nella droga , ha proprietà  remineralizzanti sul tessuto connettivo , aumenta l’elasticità della pelle e  giova  alla sua compattezza e tono. I flavonoidi presenti controllano l’attività degli enzimi  collagenasi  ed  elastasi che, se in eccesso,  inducono un precoce deterioramento della matrice extracellulare. Storia e tradizione popolare:  Si ritiene che questa pianta sia una delle più antiche ancora esistenti. Pare infatti che le Equisetacee abbiano avuto grande diffusione nel periodo carbonifero dove raggiunsero dimensioni colossali  e diedero poi origine a enormi masse di carbone. E’ una pianta ricca in silice e può servire a lucidare gli utensili in rame ( per chi ancora ne ha). Ecco cosa si trova  scritto in un buffo libro settecentesco : ” l’acqua di Equiseto applicata con pezzette tiepide sana la infiammazione del sedere e dei suoi paraggi” autore: Porto Pietro Bibliografia: G. Proserpio:”L’Ossicrizio” – storie di piante   ed. L’Erbolario – 1999 P. Poggi:”Fitocosmesi il libro” ed. A Oriente – 2010 U. Boni, G. Patri:”Le erbe”  ed Fabbri Editori – 1977 G. Proserpio. A. Malpede, AM: Massera:”Fitocosmetopea Sinerga”  ed. Sinerga – 1995 R. Della Loggia:”Piante officinali per infusi e tisane” ed OEMF  – 1993  
Il presente approfondimento costituisce opera intellettuale di proprietà di Fitocose s.r.l. non è consentito copiare questo contenuto a meno che non si citi esplicitamente la fonte da cui è stato attinto.

I prodotti Fitocose che contengono questo ingrediente:

Lascia un commento