Circa un paio di mesi fa bussano alla porta del nostro laboratorio due personaggi vestiti elegantemente di nero ( non erano le Iene ) che chiedono tra un sorrisino allusorio e l’altro se abbiamo in produzione un lubrificante per le zone intime .Si presentano come importatori di oggettistica erotica e vorrebbere finalmente trovare un prodotto vegetale che risolva loro il problema della lubrificazione delle zone intime .
Io penso al gel d’Aloe che propongo con tanto di elogi riferiti alle proprietà lenitive e rinfrescanti di questa pianta, però capisco subito che le mie parole non incontrano molto la loro attenzione, li vedo un po’ scettici e finito il mio monologo mi chiedono se lo possono provare “ Provare ? qui?”chiedo
Noo , mi dicono .. a noi basta riprodurre l’attrito che si genera durante il rapporto testando il gel sul dorso della mano e massaggiandolo finchè non inizia a efoliare sulla pelle “ Ah bene , dico , certo non ci sono problemi
Comiciano il test con il Gel d’Aloe , lo massaggiano per 1 minuto, 2 minuti , ma al 3 minuto si guardano in viso tra di loro , mi guardano e dicono “ sta grippando ed inizia ad fare briciole per cui non va bene per le nostre esigenze …”
A questo punto chiedo che tipo di esigenze hanno …
Il Gel di cui hanno bisogno , mi dicono sussurandolo per non farsi udire dall’impiegata che poi mi dirà aveva già capito tutto , dovrebbe lubrificare le “due” zone intime per favorire i rapporti intimi .Se si asciuga troppo presto non permette alla coppia di arrivare e raggiungere l’apice dell’orgasmo , se poi grippa durante il contatto , sono dolori
“Ho capito” , dico, adesso ci siamo intesi .
Tiro fuori l’arma migliore che ho , cosa avete capito eh? , che è l’acido jaluronico , e li invito a rifare il test di usura sul dorso della mano. Inizia il test : “ 1, 2, 3 ,4 minuti… poi si guardano , mi guardano e dicono “ Non va bene nenanche questo “. Un momento dico , forse ne ho un altro che ha una concetrazione doppia di acido jaluronico . Se mi date ancora una chance lo possiamo provare con il vostro metodo .” Ok si ricomincia anche con questo gel ..1, 2, 3, 4, 5, minuti , si guardano , mi guardano e dicono : Purtroppo grippa anche questo e poi esfolia con l’attrito . I 5 minuti bastano ai comuni mortali ma per le esigenze della nostra clientela non sono sufficienti. Capito?
e se ne vanno lasciandomi un biglietto da visita , invitandomi caso mai trovassi una soluzione a contattarli al più presto. Non ci ho dormito una notte , mi continuavo a rigirare nel letto a pensare , pensare …ma poi ecco … si ma certo perché non ci ho pensato prima ; c’è la soluzione!!
Il giorno dopo provo subito il gel modificato . Lo provo sul dorso della mano : 1,2,3,4,5,6,7,8,910, 11 minuti e oltre poi smetto quando comincia a farmi male la mano per il troppo massaggio . Evviva ho trovato finalmente come far accoppiare Rocco e altri senza problemi .
Li chiamo sul cell, non rispondono..li richiamo dopo qualche giorno , nemmeno , invio una e mail , due e mail niente ..sono svaniti come sono arrivati , più sentiti . Mi dispiace da una parte ma dall’altra mi sento fortunato perché grazie a loro ho qualcosa da dire a chi fa del buon sesso e tanto con la propria compagna o compagno .

Autore : Porto Pietro
Estratto da :
http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=36053&p=326305&hilit=biopietro#p289604

Un pensiero su “JALUS LOVE : un racconto in prima persona su come nasce un prodotto

Lascia un commento