L’albero del Mandorlo , originario dell’Asia, ha trovato una vasta diffusione nei paesi del bacino mediterraneo dove viene coltivato su vasta scala . E’una pianta rustica e longeva, che può raggiungere anche i 10m d’altezza,. Le foglie lanceolate e sottili sono simili a quelle del pesco, i fiori sono generalmente di color bianco rosato e fioriscono abbondantemente prima della comparsa delle foglie. Il frutto è un drupa di forma ovale allungata che contiene un mandorla che può essere, secondo le varietà, dolce oppure amara e di varia grandezza.
Dalla spremitura per pressione a freddo delle mandorle della varietà dolce si ottiene un olio giallo pallido, molto fluido, quasi inodore dal sapore dolciastro che presente la seguente composizione in acidi grassi :

Composizione

Acidi grassi caratteristiciFormulapercento
Acido PalmiticoC167%
Acido StearicoC181%
Acido Oleico (Omega 9)C18:173%
Acido Cis Linoleico (CLA-Omega 6)C18:219%

Dati analitici

N°di saponificazione183-196
N° di iodio102
Peso specifico a 20°0,914
Insaponificabile0,65%


Nota caratteristica
L’olio di mandorle dolci è il classico olio dalle mille risorse e usi che non dovrebbe mai mancare tra i rimedi cosmetici di pronto impiego.
E’innocuo, gradevole nell’aspetto e nell’odore , difficilmente irrancescibile per la presenza di acido oleico in alta percentuale. In cosmetologia viene utilizzato spesso come veicolo nelle preparazioni destinate al massaggio della pelle con oli essenziali o come eccipiente nella composizione di molte creme e pomate ad azione lubrificante e nutriente.

Uso
L’olio di mandorle dolci è un ottimo rimedio naturale per il massaggio della pelle per renderla morbida grazie alla sua specifica azione surgrassante. Data la sua sicurezza d’uso trova il suo giusto impiego nell’alleviare e lenire la pelle dei bimbi dalle irritazioni da pannolino, dal prurito o semplicemente per proteggere la pelle prima o dopo il bagno o o come struccante per trucchi waterproff. Bene anche sui capelli secchi e sfibrati come impacco prima dello shampo per renderli particolarmente morbidi e docili al pettine.

Autore : Porto Pietro

Bibliografia:
Anthony J.O’Lenik,jr. David C. Steinberg “Oils of Nature” – ed.Allured , 2007
G.Proserpio, A .Martelli, G.F:Patri “Elementi di Fitocosmesi” vol.1 ed.Sepem , 1982
Olle Leissner, Helmut Korp, Goran Magnusson “Vegetable oils and fats” ed.Karlshamns -1989
G.Proserpio e all.” I lipidi Vegetali” – Erboristeria Domani n°4 – Aprile 1984
Porto Pietro: “Olio di Jojoba e Burro di Karitè , una cera liquida ed un trigliceride burroso” Tesi di fine anno – Corso fitopreparatori , Milano 1980
Barry Sears “La zona omega 3 rx” ed.Sperling&Kupfer Editori – 2003
Paola Ponzo ”Olio di Oliva bellezza al naturale” – Kosmetica n°3 – Aprile 2009
SICC “Derivati vegetali in cosmetica” atti del convegno 15 Settembre 1978
Boselli, Di Lecce, Minardi, Pacetti, Frega “La spettrometria di massa nell’analisi dei componenti minori polari dell’olio vergine di oliva” RISG n°1 – anno 2007
Sito consultati: Promiseland.it – Forumup di Lola
Mauro Prevedello: “Cosmetologia guida visuale” ed.Tecniche Nuove – 2004
Piergiorgio Pietta “Sistema immunitario e acidi grassi” – Massetti Rodella editori 2005
Paolo Rovest, Umberto Boni, Gianfranco Patri “Le Erbe” F.lli Fabbri Editori – 1980

Lascia un commento