E’ una palma che cresce sia spontanea che coltivata in quasi tutte le zone tropicali del mondo dall’l’Indonesia a Ceylon fino all’Africa occidentale e al Brasile. Il burro viene estratto per spremitura sotto pressione dalla polpa fresca e matura della noce (copra) . Il grasso che si ottiene ha color avorio , odore e sapori gradevoli, consistenza dura e contiene circa il 30% di burro.
Composizione

Acidi grassi caratteristiciFormulapercento
Acido CaprilicoC88%
Acido CapricoC107%
Acido LauricoC1248%
Acido MiristicoC1419%
Acido PalmiticoC168%
Acido StearicoC183%
Acido OleicoC18:15%
Acido Cis Linoleico (CLA-Omega 6)C18:22%

Dati analitici

N°di Iodio8-10
N°di saponificazione246-268
Punto di fusione23-26°


Nota caratteristica
Come burro di Cocco rientra nella fabbricazione di molti saponi in panetto a cui conferisce solidità e ottima schiuma ma il suo impiego maggiore è quello costituire la fonte principale di intermedi per la realizzazione di acidi e alcoli grassi a basso numero di atomi di carbonio per la produzione di tensioattivi , emulsionanti, ed esteri grassi . Dai suoi acidi grassi Caprilico, Caprico e Laurico fatti reagire con gli amidi proveniente dalla patata o manioca si ottengono tensioattivi molto delicato per la pelle ed a prontamente biodegradabile come i Lauryl glucosidi , Decyl glucosidi, i Lauroyl glutamati o emulsionanti di derivazione vegetale utili nella formulazione di emulsioni e creme utilizzabili anche nel settore alimentare .
Nomi come Caprylic Capric triglyceride, Lauryl, Lauroyl, Coco , Capriylate , Capryloyl ecc che si leggono nei vari INCI dei prodotti cosmetici sono tutti derivati dal Burro di Cocco.
Una menzione a parte merita l’Octyldodecanol , un alcol grasso che spesso appare in molte formulazioni di creme idratanti destinate alla pelle del corpo . E’ sempre un derivato da Cocco quindi vegetale che viene ottenuto a partire da due molecole di alcol caprilico secondo la nota reazione di Guerbet.

Uso
Sui capelli per renderli morbidi e docili al pettine, Il suo uso diretto su pelle è sconsigliabile in quanto può risultare irritante , specie nell’uso improprio come prodotto solare.

Autore : Porto Pietro

Bibliografia:

Anthony J.O’Lenik,jr. David C. Steinberg “Oils of Nature” – ed.Allured , 2007
G.Proserpio, A .Martelli, G.F:Patri “Elementi di Fitocosmesi” vol.1 ed.Sepem , 1982
Olle Leissner, Helmut Korp, Goran Magnusson “Vegetable oils and fats” ed.Karlshamns -1989
G.Proserpio e all.” I lipidi Vegetali” – Erboristeria Domani n°4 – Aprile 1984
Porto Pietro: “Olio di Jojoba e Burro di Karitè , una cera liquida ed un trigliceride burroso” Tesi di fine anno – Corso fitopreparatori , Milano 1980
Barry Sears “La zona omega 3 rx” ed.Sperling&Kupfer Editori – 2003
Paola Ponzo ”Olio di Oliva bellezza al naturale” – Kosmetica n°3 – Aprile 2009
SICC “Derivati vegetali in cosmetica” atti del convegno 15 Settembre 1978
Boselli, Di Lecce, Minardi, Pacetti, Frega “La spettrometria di massa nell’analisi dei componenti minori polari dell’olio vergine di oliva” RISG n°1 – anno 2007
Sito consultati: Promiseland.it – Forumup di Lola
Mauro Prevedello: “Cosmetologia guida visuale” ed.Tecniche Nuove – 2004
Piergiorgio Pietta “Sistema immunitario e acidi grassi” – Massetti Rodella editori 2005
Paolo Rovest, Umberto Boni, Gianfranco Patri “Le Erbe” F.lli Fabbri Editori – 1980

Lascia un commento