Il Jojoba è una pianta arbustiva sempreverde, appartenente alla famiglia delle Buxacee, che cresce in modo spontaneo in un territorio molto vasto compreso tra gli stati dell’Arizona, California del Sud e Messico . In queste zone per la maggior parte desertiche in cui la temperatura può superare i 50°C all’ombra, le reazioni di questa pianta in risposta agli stimoli ambientali, hanno determinato alcune prerogative morfologiche uniche nel suo genere: le foglie del Jojoba sono ricoperte da uno strato sottile di cera che impedisce l’evaporazione dell’acqua e le radici profonde e molto estese sono capaci di estrarre ogni goccia di umidità dal terreno arido. I semi simili a delle arachidi danno per spremitura un olio di color giallo dorato , inodore e insapore che presenta la caratteristica di essere formato da una cera liquida e non da trigliceridi come tutti gli oli vegetali. Sotto l’influsso del clima desertico infatti le sue cellule hanno imparato a non produrre trigliceridi ma a combinare acidi grassi con alcooli grassi per formare una cera liquida costituita da monoesteri insaturi a lunga catena i cui componenti caratteristici sono l’erucileicosenoato(C42) e il docosenil eicosenoato (C40)

Composizione
 


Acidi grassi caratteristici
Formulapercento
Acido oleicoC18:114%
Acido gadoleicoC20:170%
Acido erucicoC22:116%
Acido lignocericoC24:1
Alcooli grassi caratteristiciFormulapercento
Acido oleico (Omega 9)C18:1
Acido gadoleicoC20:142%
Acido erucicoC22:148%
Acido lignocericoC24:110%




Dati analitici
 

Punto di solidificazione6°C
Peso specifico a 25°1,464
N°di saponificazione92-95
N° di acidità0,2-0,5
N° di iodio86
Peso molecolare medio606



Nota caratteristica
Per estrazione mediante spremitura dei semi si ricava una cera liquida ad alto peso molecolare che è insuperabile in fatto di stabilità alle alte temperature e non necessita di antiossidanti . La letteratura riporta che già i pellerossa Apache usavano quest’olio per curare le ferite e per proteggere la pelle dalle scottature solari. Nella tecnica cosmetica rappresenta un ottimo veicolo ed eccipiente per prodotti destinati alla protezione della pelle come gli oli e le emulsioni solari e una valida alternativa sia all’uso dei siliconi come agente antischiuma che come ammorbidente , surgrassante e protettivo cutaneo in sostituzione degli oli minerali di derivazione petrolifera .

Uso:
L’olio di Jojoba trova indicazione in tutti quegli stati di secchezza cutanea dove si rende necessario ammorbidire, nutrire e proteggere la pelle dall’azione disidratante degli agenti atmosferici come vento, sole, freddo e dall’azione aggressiva di detergenti e tensioattivi . decontratturare la muscolatura  nelle attività fisioterapiche

Autore : Porto Pietro

Bibliografia:

Anthony J.O’Lenik,jr. David C. Steinberg “Oils of Nature” – ed.Allured , 2007
G.Proserpio, A .Martelli, G.F:Patri “Elementi di Fitocosmesi” vol.1 ed.Sepem , 1982
Olle Leissner, Helmut Korp, Goran Magnusson “Vegetable oils and fats” ed.Karlshamns -1989
G.Proserpio e all.” I lipidi Vegetali” – Erboristeria Domani n°4 – Aprile 1984
Porto Pietro: “Olio di Jojoba e Burro di Karitè , una cera liquida ed un trigliceride burroso” Tesi di fine anno – Corso fitopreparatori , Milano 1980
Barry Sears “La zona omega 3 rx” ed.Sperling&Kupfer Editori – 2003
Paola Ponzo ”Olio di Oliva bellezza al naturale” – Kosmetica n°3 – Aprile 2009
SICC “Derivati vegetali in cosmetica” atti del convegno 15 Settembre 1978
Boselli, Di Lecce, Minardi, Pacetti, Frega “La spettrometria di massa nell’analisi dei componenti minori polari dell’olio vergine di oliva” RISG n°1 – anno 2007
Sito consultati: Promiseland.it – Forumup di Lola
Mauro Prevedello: “Cosmetologia guida visuale” ed.Tecniche Nuove – 2004
Piergiorgio Pietta “Sistema immunitario e acidi grassi” – Massetti Rodella editori 2005
Paolo Rovest, Umberto Boni, Gianfranco Patri “Le Erbe” F.lli Fabbri Editori – 1980

Lascia un commento